Home Blog

Europa League: stasera tocca a Milan, Atalanta, Lazio e Napoli

0

L’Europa League entra nel vivo con i sedicesimi: ecco come ci arrivano le quattro italiane.

E’ la competizione minore per eccellenza, ma a conti fatti vincere l’Europa League per una delle nostra italiane sarebbe una manna dal cielo per almeno tre motivi: 1) i soldi che ne derivano dalla sua conquista 2) l’accesso diretto in Champions League 3) un trofeo europeo da mettere in bacheca.

E siccome le quattro squadre impegnate in questi sedicesimi hanno tutte le carte in regola per vincere, perchè non provarci? Andiamo con ordine: alle 19 scendono in campo innanzitutto Milan e Atalanta. Rossoneri e nerazzurri affrontano due squadre impegnativa: specialmente i bergamaschi vanno a giocare contro il Borussia in Germania, una sfida davvero storica.

Il Milan di Gattuso probabilmente è la squadra che più dovrebbe tentare di conquistare il trofeo: in campionato infatti, complice un girone d’andata disastroso, difficilmente riuscirà a piazzarsi nelle prime quattro posizioni, così vincere l’Europa League salverebbe la stagione e anzi la renderebbe sicuramente tra le più positive degli ultimi anni. La sfida con il Ludogorets sembra tutt’altro che impossibile, ma guai a sottovalutare una formazione che negli ultimi anni ha partecipato in Champions e dato fastidio a diversi top club.

Il discorso invece è nettamente diverso per le altre due italiane: detto che per l’Atalanta l’Europa League rappresenta un sogno da cui non vorrebbe mai svegliarsi, Lazio e Napoli probabilmente la intendono più come un fastidio di cui sbarazzarsi il prima possibile.

Si, perchè entrambe hanno il campionato nella testa: i biancocelesti arrivano da un periodo nero, ma il quarto posto è sempre alla portata di mano, mentre gli azzurri sono primi e fin dall’inizio hanno puntato tutto sullo Scudetto. Le sfide con Steaua Bucarest e Lipsia appaiono dunque solamente due sfide obbligatorie, e per cui siamo pronti a scommettere che ci sarà molto turn over.

Professore rimprovera alunno, il padre lo prende a pugni: succede a Foggia

0

Foggia, in una scuola media il professore è stato aggredito dal padre di un alunno che aveva rimproverato.

Grave fatto accaduto a Foggia sabato scorso: un docente è stato aggredito da un padre di un alunno. I colpi assestati dal genitore hanno provocato delle lesioni alla testa e addome, per una prognosi quantificabile in un mese.

A subire le percosse è stato il vicepreside della scuola secondaria di I grado Murialdò di Foggia, Pasquale Diana. Il motivo? Il genitore era venuto a sapere che suo figlio era stato rimproverato dall’insegnante. Per questo motivo il padre del ragazzo è stato denunciato.

Ricostruiamo i fatti: sabato mattina il genitore dell’alunno si è recato in orario di ingresso delle classi. Dopo aver eluso la vigilanza dei collaboratori scolastici, si è scagliato contro il vicepreside. Ecco la spiegazione della comunità dell’istituto: “Non è stato richiesto alcun colloquio, né c’è stata possibilità di dialogo con il genitore, il quale, senza chiedere spiegazioni di sorta, come riportato nelle numerose testimonianze depositate in Questura, si è avventato sul professore“.

La nota prosegue: “A nulla è valso l’intervento dei collaboratori scolastici e dei docenti presenti, che, data la rapidità con cui si è mosso il genitore, non sono riusciti ad evitare l’aggressione. Il professore non ha reagito in alcun modo ai numerosi e violenti colpi che gli venivano inferti alla testa e all’addome, fino a quando i presenti non sono riusciti ad allontanare l’aggressore. Sul posto sono accorsi la Polizia e gli operatori del 118“.

Il professore aveva rimproverato l’alunno “perché spingeva e rischiava di far cadere le compagne in fila davanti a lui. Per tutelare l’incolumità degli altri ragazzi, l’alunno è stato preso per il braccio e allontanato dalla fila. Da qui la rabbia del genitore che, ascoltando soltanto la versione del proprio figlio, senza chiedere chiarimenti di alcun genere, si è scagliato contro il professore“.

Ida Lasalandra, dirigente dell’istituto, ha spiegato qual è ora la situazione: “Siamo tutti sotto shock e spaventati. Se ci affidano i loro figli è perché devono avere fiducia in noi. La scuola è chiusa per le festività di carnevale ma tutti i docenti si sono in pratica autoconvocati per discutere di quanto avvenuto, ma tutti i docenti di Foggia si stanno confrontando sull’accaduto e intendono sensibilizzare l’opinione pubblica perché non accadano mai più fatti del genere“.

Sanremo 2018, il programma della prima serata: ospiti e cantanti in gara

0

Oggi partirà ufficialmente la 68esima edizione del Festival di Sanremo 2018: vediamo quali sono i cantanti in gara e gli ospiti che scenderanno le scale dell’Ariston.

Sanremo 2018 sta per partire: mancano poche ore all’inizio della 68esima edizione del Festival nazionale, ed è ufficiale l’ordine di uscita con cui si sfideranno i cantanti in gara. Ad aprire la kermesse ci penserà Annalisa (dovrebbe attaccare poco prima delle 22, subito dopo la comparsata di Fiorello), poi ecco tutti gli altri: Ron, Kolors, Gazzè, Vanoni-Bungaro-Pacifico, Metal-Moro, Mario Biondi, Fogli-Facchinetti, Stato Sociale, Noemi, Decibel, Elio e le Storie Tese, Caccamo, Canzian, Barbarossa, Diodato e Roy Paci, Nina Zilli, Avitabile-Servillo, Le Vibrazioni. Oltre allo showman siciliano, gli altri ospiti della serata saranno Gianni Morandi e il cast del film di Gabriele Muccino “A casa tutti bene”.

Sanremo 2018, Laura Pausini slitta a sabato

Nella prima serata di Sanremo 2018 non ci sarà Laura Pausini: la presenza della cantante romagnola è slittata a sabato, ufficialmente per via di una grave forma di laringite. Tuttavia c’è chi dà un’altra versione: l’artista nostrana non avrebbe voluto condividere i riflettori della “prima” con Fiorello, per paura di rimanere oscurata dalla forza travolgente del comico. La Pausini non avrebbe gradito molto il fatto di essersi vista paracadutare davanti Fiorello, e per questo motivo avrebbe insistito per essere inserita come super ospite nella serata di chiusura.

Il condizionale è d’obbligo, anche se la voce circola con molta insistenza. Le sue parole però sono state chiare: “Ho fatto il possibile per partire ma la mia laringite non mi consente di venire. Per qualche giorno continuerò con le medicine. Sanremo è troppo importante per me, è casa mia, e quindi garantisco che ci sarò sabato. Darò tutta me stessa“.

Probabilmente è anche meglio così: tre big come Fiorello, Pausini e Morandi avrebbero forse congestionato troppo la prima serata. C’è suspense per questo inizio di Festival, appuntamento alle ore 21 su Rai 1.

Samsung Galaxy S9: tutte le indiscrezioni ad un mese dalla presentazione

0

Il nuovo Samsung Galaxy S9 sarà presentato al mondo il 25 febbraio: ecco i rumors più affidabili sulle caratteristiche del nuovo top di gamma asiatico.

Contrastare il predominio mediatico e commerciale di Apple (e del suo iPhone X) con un nuovo smartphone dalle caratteristiche uniche: con Samsung Galaxy S9 il colosso sudcoreano vuole a tutti i costi fronteggiare il successo della casa californiana. In realtà l’andamento positivo dell’ultimo melafonino si è interrotto dopo i primi tre mesi di lancio sul mercato.

L’azienda a stelle e strisce infatti ha venduto si decine di milioni di unità, ma questo inizio 2018 non ha rispettato le attese: il top di gamma del decennale di Apple ha perso molto in termini di vendita, tanto che alcuni rumors sostengono che la produzione possa essere stoppata in anticipo, in modo tale da concentrare tutte le attenzioni su tre nuovi iPhone da fare uscire entro l’autunno di quest’anno.

Proprio questa situazione di stallo potrebbe portare un vantaggio a Samsung, che sta si riservando tutte le energie nei confronti di questo Samsung Galaxy S9 (presentazione prevista il 25 febbraio alle ore 18, pre-evento del Mobile World Congressi di Barcellona), ma che per il 2018 ha in serbo l’attesissimo Samsung Galaxy X.

Samsung Galaxy S9: caratteristiche

Ma senza fare troppi voli pindarici, quali sono le caratteristiche del Samsung Galaxy S9? In questi giorni stanno circolando moltissime voci, alcune affidabili e altre un po’ meno. Qui analizzeremo ovviamente le prime, che parlano di un dispositivo con una fotocamera incredibile: l’indiscrezione pare essere confermata anche dal video teaser della casa asiatica.

Lo slogan infatti parla di “reinventare la camera”: probabilmente essa avrà un’apertura focale regolabile manualmente da f/1,5 a f/2,4. Questo fattore sarà decisivo per la qualità delle foto, che sarà decisamente migliore anche in caso di buio.

Ottimo anche il processore: Snapdragon 845 per il mercato americano, Exynos per i modelli venduti nel mercato europeo e italiano. Le prestazioni dell’S9 saranno notevoli anche e soprattutto grazie a tecnologie come Light Power Plus e il modem a connessione internet fino a 1,2 Gbps.

Infine, questo nuovo top di gamma avrà anche un’interfaccia utente molto diversa rispetto ai modelli precedenti: è probabile che possa interagire con l’intelligenza artificiale. Insomma, altro motivo per non pensarci troppo e acquistare questo nuovo Samsung Galaxy S9, che mira a ritagliarsi una fetta importante nel mercato degli smartphone.

Sanremo 2018, ecco i primi ospiti internazionali

0

Sanremo 2018 si sta avvicinando: poche ore fa sono stati annunciati i primi ospiti internazionali.

Mancano poco meno di due settimane alla 68esima edizione del Festival di Sanremo, ma a poco a poco stanno arrivando tutte le indiscrezioni relative ai quattro giorni in cui la kermesse monopolizzerà il dibattito (non solo musicale) italiano.

Tra le varie notizie ufficiali che si stanno susseguendo in queste ore, sono arrivati i nomi dei primi ospiti stranieri che calcheranno il palco dell’Ariston. Sono stati annunciati con un tweet dal direttivo RAI James Taylor e Sting: entrambi renderanno omaggio alla Canzone Italiana, con l’ex leader dei Police che presenterà in esclusiva il suo album in uscita.

D’altronde il direttore artistico Claudio Baglioni aveva annunciato in conferenza stampa che tutti gli artisti internazionali dovranno cimentarsi con brani della nostra tradizione musicale: l’idea è quella di un Festival che non sarà una passerella anonima, Baglioni lo ha chiarito più volte e anche gli ospiti stranieri saranno parte attiva delle serate.

Insieme a Sting salirà sul palco anche Shaggy: insieme hanno formato una coppia (che aveva già collaborato in passato) che ha dato luce all’ultimo “Don’t Make Me Wait”, brano dal sapore caraibico che sarà disponibile da domani su tutte le piattaforme digitali. Il singolo anticipa l’uscita dell’album “44/876″, fissata per il 20 aprile.

Che dire poi di James Taylor? Stiamo parlando di uno dei cantautori più apprezzati di sempre, sia da critica che da pubblico. Appuntamento dunque dal 6 al 10 febbraio, ovviamente su Rai 1.

WhatsApp: ecco il nuovo aggiornamento per i gruppi

0

WhatsApp è in costante evoluzione: il servizio di messaggistica istantanea sta per rilasciare un nuovo aggiornamento.

Periodicamente WhatsApp rilascia nuovi aggiornamenti per far si di migliorare il più possibile il servizio, utilizzato da milioni di utenti in tutto il mondo. Ogni giorno le persone comunicano attraverso questa piattaforma di messaggistica istantanea, e proprio per questo motivo nel corso degli anni le novità sono state molteplici.

WhatsApp, oltre ad inviare messaggi, dà molte altre opzioni. Una di queste è senza dubbio il poter interagire attraverso i gruppi, che a poco a poco hanno assunto grande importanza: chi non è inserito almeno in uno di essi?

E l’aggiornamento imminente proposto dal direttivo dell’applicazione riguarda proprio i gruppi. Uno dei punti deboli di questo tipo di chat è che spesso sono congestionate e molto confusionarie: se non rimani connesso tutto il giorno, ti ritroverai a dover leggere carrellate di messaggi.

Ma soprattutto dovrai tornare indietro e capire dove ha iniziato la conversazione di gruppo: a questo problema WhatsApp pare voglia ovviare con un aggiornamento che risolverà tutto. A diffondere la notizia è WA BetaInfo: secondo il portale questa novità permetterà di trovare i messaggi dove si è stati citati senza per forza dover riprendere la conversazione dall’inizio scorrendo magari centinaia di messaggi.

Queste funzionalità esistono già su Telegram, e presto potrebbero essere presenti anche su WhatsApp, che nel frattempo ha lanciato anche la sua versione Business, ovvero un’app secondaria con cui i proprietari di un’azienda possono comunicare con i loro clienti.

Nuova Ducati Panigale V4: la prova ufficiale a Valencia il 21 gennaio

0

Per tutti gli appassionati di moto una grande novità: domenica 21 gennaio a Valencia scenderà in pista la nuovissima Ducati Panigale V4, l’ultimo bolide della casa italiana che farà impazzire appassionati ed esperti del settore.

La prova del 21 gennaio

A Valencia saranno due le tipologie della V4 che scenderanno in pista: la prima è la moto di serie, quella che vedremo anche sulle nostre strade, equipaggiata con Pirelli Supercorsa SP e un motore V4 da 1.103 cc che eroga fino a 214 cv; la seconda è invece la Ducati Panigale V4 S in versione pista, con pneumatici Pirelli Diablo Supercorsa Slick e scarico Akrapovič, combinazione perfetta per riuscire a sfruttare fino in fondo i 226 cv che il motore di questa due ruote è in grado di erogare.

La moto

Oltre che un equipaggiamento da prima della classe ed un motore davvero “da brividi”, il vero punto di forza della nuova Ducati Panigale V4 è l’elettronica di controllo, che utilizza i dati della piattaforma inerziale a 6 assi (6D IMU) per poter acquisire e registrare tutte le informazioni sul comportamento della moto. Il pacchetto è composto da otto punti, a cominciare dall’ABS Cornering Bosch EVO e fino al Ducati Electronic Suspension EVO (DES EVO), passando anche per il sistema di controllo della trazione (il Ducati Traction Control EVO), il Ducati Slide Control, il Wheelie Control, il Power Launch, il Quick Shift up/down per velocizzare il cambiamento delle marce e l’Engine Brake Control.

Il reportage in tempo reale

Aggiorneremo questo articolo non appena ci saranno i primi video online, per i quali ringraziamo già Alberto Naska, noto youtuber che è stato uno dei pochi ad essere stato invitato per la prova ufficiale (qui il video in cui lo annuncia).

Influenza record: quasi quattro milioni di italiani a letto

0

Quest’anno l’influenza ha toccato cifre da record: milioni di italiani sono costretti a letto.

Sembra proprio che l’influenza non voglia dare tregua ali italiani, anche se per fortuna secondo l’Istituto Superiore di Sanità c’è una lieve flessione della curva epidemica. Nel rapporto settimanale Influnet infatti i dati raccolti “ci fanno ben sperare che le ultime due settimane rappresentino il picco epidemico stagionale“.

Solo in questa settimana si stanno comunque contado qualcosa come 832mila casi: con questi si arriva alla cifra di 3 milioni di influenzati. Ad essere maggiormente colpiti i bambini di età inferiore ai cinque anni. Insomma, quest’anno è stata un’influenza record in ogni parte della Penisola: numeri paragonabili si possono intravedere solo nelle stagioni 2004-05 e 2009-10, anno che però fu anche quello dell’influenza A, denominata impropriamente “suina”.

Ma perchè quest’anno l’influenza è più aggressiva? Colpa di un nuovo ceppo virale, lo Yamagata, che si è rivelato davvero molto ostico. Fabrizio Pregliasco, virologo all’Università di Milano, ha così commentato la situazione: “Il problema principale, come sempre non è il vaccino, che fanno in linea di massima solo gli anziani o i soggetti a rischio, ma il boom tra i bambini, il cui sistema immunitario non era preparato a questa variante“.

Intanto però c’è chi dà i propri suggerimenti per affrontare la malattia: è in primis la Coldiretti ad aver formulato un’iniziativa contro raffreddore, mal di gola, tosse e febbre. Nei mercati di tutta Italia potrete trovare tutti i “rimedi naturali della nonna” prodotti dagli agricoltori di Campagna Amica (www.campagnamica.it). Sono inoltre in programma iniziative speciali dove potrete trovare prodotti, ricette e proposte per contrastare quest’ondata di influenza.

Calciomercato Inter, ufficiale Lisandro Lopez: i dettagli

0

Calciomercato Inter, è ufficiale l’arriva di Lisandro Lopez: è un nuovo difensore nerazzurro!

Primo colpo dell’Inter di Luciano Spalletti: Lisandro Lopez è ufficialmente un nuovo giocatore nerazzurro. Trattativa velocissima quella portata avanti dalla società meneghina, che ha così il tanto agognato difensore centrale che mancava alla corte dell’allenatore toscano.

L’accordo è stato trovato sulla base di un prestito oneroso a 500mila euro fino a giugno, con riscatto fissato a 9 milioni di euro. Attese per domenica le visite mediche, mentre il giorno dopo avverrà la presentazione in conferenza stampa.

L’arrivo del centrale portoghese non ha destato pochi dubbi nell’ambiente interista: negli ultimi tempi infatti il giocatore è sceso in campo molto poco, infatti in quest’ultima stagione ha giocato solo otto partite, di cui due in Champions. Quello che però fa più riflettere è che nelle ultime stagioni in generale Lisandro Lopez è stato poco impiegato dal Benfica (in tre stagioni è sceso in campo solamente 54 volte, sicuramente poche).

Chissà che l’aria milanese non possa fare bene al centrale lusitano: certamente con un tecnico come Spalletti Lisandro Lopez non potrà che migliorare. Nelle gerarchie ovviamente partirà dietro a Skriniar e Miranda, si giocherà il posto da prima riserva con Ranocchia. All’occorrenza però potrà anche ricoprire il ruolo di terzino.

Una piccola curiosità: Lisandro Lopez era stato già in passato vicinissimo ad approdare in Serie A. Due anni fa infatti la Fiorentina lo aveva cercato insistentemente (nella figura dell’ex ds Pradè), poi però la trattativa con il Benfica non ebbe buon esito. Ora però il 28enne difensore può davvero dimostrare di essere un giocatore su cui puntare ancora.

Ryanair, nuove regole per chi viaggia con il bagaglio a mano

0

Ryanair sta cambiando profondamente le regole dei suoi voli low cost.